Alimentare la faida.

Gli Orfani

Ciao a tutti, solo pochi giorni fa commentavo come, su questo blog, sia ormai consueto usare garbo ed educazione nelle discussioni. Ero e sono sicuro non sarà facile passare l’estate mantenendo alto il profilo, troppo pesante la diaspora. Però l’obiettivo per me è provarci, a questo proposito cerchiamo di rileggere quello che scriviamo, e cerchiamo di esporre le idee (chi ne ha) in modo corretto.
Lo scrivo perchè leggo di tanti che scrivono come se avessero la verità in tasca.
L’iniziativa della dichiarazione di lealista o rifondatore non vuole essere “raccolte di opinioni che servono solo ad alimentare la faida ” ma ne possiamo discutere, diverso diventa se a questo commento aggiungi che “La fossa solo parvenu e mercenari” allora vuol dire che non hai chiarissimo il concetto di “alimentare la faida“*.
E al post che scrive:  “...visto che c’è una F sostenuta dalla casa madre, che sta in via San Felice 101, dove una delle prime volte che misi piede al bar vidi Zatti, Gilmore e Banks, bene, quella è la mia Fortitudo.” racconto che la sede della Fortitudo Pallacanestro allora era lì  (dove è rimasta fino all’era Seragnoli, direi) in San Felice 103 ma che solo nella prima parte del campionato capitava che lì ci allenassimo, più frequentemente eravamo al palazzo o al Crb, che quell’anno inaugurammo e diventò la nostra palestra.
**Per fortuna li hai incontrati in sede e non al bar del Crb…

Poi, e chiudo senza commentare il claim del centro di coordinamento” LA PATATA TIRA ….. ANCHE DA TRE ! “, devo sentire i ragazz e informarmi bene perchè io sapevo che il club “gli Orfani” (che avevamo fondato all’osteria Du Madon in San Vitale) era sparito quando Jack Zatti (presidente) partì per Santo Domingo e mi fa strano vederlo tra i sottoscrittori del documento. Ma prima mi documento…

P.S. aggiunto il 12 luglio su segnalazione:
*il termine giusto è DIASPORA. Ho titolato “…alimentare la faida” perchè era citazione dal non condiviso post di “batman”.
**Non volevo in nessun modo offendere ma solo rispondere al post che dice “…Quindi visto che c’è una F sostenuta dalla casa madre, che sta in via San Felice 101, dove una delle prime volte che misi piede al bar vidi Zatti, Gilmore e Banks, bene, quella è la mia Fortitudo...”e rilevare che Jack, Artis e Gino non erano lì perchè appartenenti alla SG ma solo perchè lì allora c’era la sede e, per quel periodo, la palestra usata dalla Fortitudo Pallacanestro. Come qualcuno sa giocavo con loro e volevo solo dire la mia, ripeto, senza offendere nessuno.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

55 Responses to “Alimentare la faida.”

  1. giorgio says:

    Nè lealista nè rifondatore: semplicemente CONTRO qualsiasi cosa sia anche solo lontanamante riferibile al “signor” gilberto sacrati.

  2. riccardo says:

    @alberto

    Su Sacrati la penso come te.
    Ma non è che il suo oppositore deve per forza diventare un santo perchè lui è un disgraziato. Dimmi quali impegni presi in estate ha mantenuto Romagnoli a parte la Lega2 ?
    Il richiamo ai valori serve solo all’autosuggestione.

  3. cranfo says:

    Posso essere noioso?
    Qualcuno mi spiega la differenza tra l’acquisto dei diritti che fece la SG Fortitudo dall’Alcisa e l’acquisto dei diritti di Ferrara?
    Finora nessuno mi ha risposto e ho fatto questa domanda a diverse persone.
    Non è vis polemica ma solo perchè è da quella prima acquisizione che nacque la nostra storia e nessuno si è mai lamentato o ha chiamato mortadellai Beppe Lamberti & co così come si fa ora con Romagnoli.
    Ammetto per primo che c’è un intermezzo Budrio ma giuridicamente si tratta della stessa operazione e forse qualcuno dimentica che da quella acquisizione è nata la nostra storia perchè altrimenti Giorgio Seragnoli non sarebbe mai, dico mai, ripeto mai arrivato

  4. riccardo says:

    @cranfo
    Sull’acquisto dei diritti a me non sembra ci siano differenze. Aggiungo che non vedo tutte queste differenze tra l’acquisto di Ferrara e quello di Ozzano, soprattutto tra chi dice che in ogni caso Ozzano sarebbe fallita. Bene, pure Ferrara avrebbe fatto la stessa fine. Guardiamo come si sono ridotte Udine e Rimini e tutti sappiamo che realtà erano.
    Però in passato non si è creata una nuova società mentre la vecchia era ancora in vita. La differenza sta tutta qui. Che la Fortitudo come noi la conosciamo anche quest’anno resta ferma. E’ la realtà ribadita dalla Federazione. Ed in campo vanno Ferrara e Ozzano. Così come lo scorso anno andava Budrio. Ora, per me tu puoi tifare Ferrara, Ozzano, Budrio od andare ogni domenica alla Futurstation a tifare contro la Virtus. Ma la Effe è un’altra roba.

    @alberto
    chi pretendeva ben altra trasparenza nella gestione mi sembra non venga più invitato alle riunioni. Mi sembra invece possano andare solo quelli a cui sta bene così (e diograzie).
    Mi spieghi invece se tu eri a conoscenza della partecipazione azionaria di Romagnoli nel Gira? Voglio dire, Romagnoli ha passato l’anno a battibeccare con Sabatini e Sacrati. Poi si scopre acquista marchio e palazzo da Sacrati (con contratti che non si vuole rendere pubblici) ed è socio nel Gira con Sabatini. La trasparenza a casa mia è un’altra roba.

  5. L'oste says:

    Nessuno mette in discussione la ns storia e il fatto che, in seguito a radiazione o fallimento, sarebbe potuto andare così. Ma non e’ andata così. E ormai non e’ più un contraddittorio tra tifosi più o meno accesi sul da farsi. E’ sancito dall’unico organo competente in materia. Fine della discussione. Ora speriamo che, anche a seguito delle parole dell’assessore dai due cognoimi, coloro Che tengono in pugno il ns futuro, riescano a trovare una soluzione, l’unica, che possa ricompattarci sul serio, porre fine alle nostre ingiuste divisioni e riportarci al palazzo insieme.

Leave a Reply