FortiLeaks

Ernie Souchak

Ciao a tutti, il post di ieri ha mosso un pò le acque.
Oggi mi sembra di essere Ernie Souchak il protagonista del film “Chiamami Aquila” giornalista a Chicago che insegue notizie scomode (tra l’altro il cappello di Belushi/Souchak è appoggiato in alto a destra nel blog).
Ho ricevuto diverse telefonate e mail e sembra che la prossima settimana (martedì?) mi arriverà la fotocopia del famigerato documento.
L’allegato mancante.
Avere un blog ed essere stato per più di un anno in contatto un pò con tutti (Comune, giornalisti, tifosi, amici della Effe e varie persone vicine e lontane) ti da il vantaggio che poi alcuni ti leggono.
E come nei film ti danno la “soffiata”.
Forse.
Il puzzle va avanti, abbiamo letto (chi ne aveva voglia) tramite la Fossa e Bolognabasket.it i documenti relativi a delibere e convenzione tra Comune e Ati. Poi le lettere che, come due innamorati in lite, si mandano Bucciaman e Mr E-Vita (come lo chiama oggi Faggiano) e a breve potremmo (spero) avere l’accordo 09.09.2010.
Intanto domenica alle 18 la Fortitudo Conad gioca al PalaDozza contro Caorle che ha in squadra Lungo Maltese al secolo Samuel Deguara nato il 21 gennaio 1991 a Malta, diversamente da Corto Maltese che è nato il 10 luglio 1887 a La Valletta, Malta…

ULTIMAORA.
Federico Dettori presidente dell’APASPA* ha postato un commento che è più giusto stia qui:

Approfitto del post di Nino per informare tutti che nella giornata di martedì 8 contiamo di mettere in linea il sito dell’Associazione   www.fortitudoperamore.it .
Proveremo a farne un luogo di scambio di informazioni, documenti, notizie ed opinioni su quello che succede, di raccolta di proposte e stimoli per chi ha promesso di lavorare per “ridarci la Fortitudo” e uno strumento di lavoro e incontro per tutti i tifosi che “Rivogliono la Fortitudo“.
Leggo i vari commenti e parlo con tifosi tutti i giorni: c’é purtroppo in giro – ed è innegabile – un diffuso senso di disagio, indeterminatezza e paura. Non è per forza colpa o responsabilità di questo o quello, è che la situazione non si risolve e, se vogliamo rischia di complicarsi ogni giorno di più. E noi cosa facciamo, continuiamo a fare i fronti qpro-quello e contro quell’altro? Rispettiamoci e lavoriamo insieme.
Dobbiamo, dico dobbiamo, trovare o ritrovare quindi almeno compattezza ed unità verso un solo scopo comune, che è quello che abbiamo in testa e nel cuore: vedere giocare di nuovo una Fortitudo in cui ciascuno di noi si possa identificare, senza dintinguo, senza ma e senza se. L’associazione può essere, per il momento, il mezzo su cui attuare una ritrovata compattezza, per farci sentire, per essere di aiuto. Poi, vedremo tutti insieme cosa farla diventare … Io ho paura, ma ci credo ancora!

*APASPA =Associazione Per Amore Solo Per Amore

Tags:

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

7 Responses to “FortiLeaks”

  1. Federico Dettori says:

    Ciao a tutti. Approfitto del post di Nino per informare tutti che nella giornata di martedì 8 contiamo di mettere in linea il sito dell’Associazione – http://www.fortitudoperamore.it .
    Proveremo a farne un luogo di scambio di informazioni, documenti, notizie ed opinioni su quello che succede, di raccolta di proposte e stimoli per chi ha promesso di lavorare per “ridarci la Fortitudo” e uno strumento di lavoro e incontro per tutti i tifosi che “Rivogliono la Fortitudo”.
    Leggo i vari commenti e parlo con tifosi tutti i giorni: c’é purtroppo in giro – ed è innegabile – un diffuso senso di disagio, indeterminatezza e paura. Non è per forza colpa o responsabilità di questo o quello, è che la situazione non si risolve e, se vogliamo rischia di complicarsi ogni giorno di più. E noi cosa facciamo, continuiamo a fare i fronti qpro-quello e contro quell’altro? Rispettiamoci e lavoriamo insieme.
    Dobbiamo, dico dobbiamo, trovare o ritrovare quindi almeno compattezza ed unità verso un solo scopo comune, che è quello che abbiamo in testa e nel cuore: vedere giocare di nuovo una Fortitudo in cui ciascuno di noi si possa identificare, senza dintinguo, senza ma e senza se. L’associazione può essere, per il momento, il mezzo su cui attuare una ritrovata compattezza, per farci sentire, per essere di aiuto. Poi, vedremo tutti insieme cosa farla diventare … Io ho paura, ma ci credo ancora!

  2. Stefano says:

    Premesso che
    1. faccio parte dell’Associazione;
    2. sono convinto che possa essere d’aiuto alla causa;
    3. stimo e rispetto il Presidente a gli altri componenti;

    leggo purtroppo un forte senso di scoramento da parte di Federico quando scrive “io ho paura” ed una serie di concetti confusi se non contraddittori.

    Ad esempio cosa significa: “Non è per forza colpa o responsabilità di questo o quello, è che la situazione non si risolve e, se vogliamo rischia di complicarsi ogni giorno di più”.
    Si rivolge alla Fossa ?

    E ancora: “L’associazione può essere, per il momento (?), il mezzo su cui attuare una ritrovata compattezza”.

    Ormai non ci capisco più niente.

    Parlate chiaro ! Fate vedere le carte ! Chi nasconde che cosa ?
    Il 30/06 si avvicina inesorabilmente. SG fatti sentire !!!
    Il Comune di Bologna cacci l’innominato a calci nel sedere !

    Io penso alla mia EFFE ed ho purtroppo la sensazione che la stiamo perdendo !!!

  3. Igor says:

    Ciao Federico,
    come ho già avuto modo di dirti in passato, ti ripropongo, l’idea di riprendere a far proseliti per la APASPA. Non si diceva già dallo scorso anno “dobbiamo allargare la base”?

    Bene allora se si vuole davvero aumentare la base bisogna issare le bandiere della APASPA ance nel luogo dove si può farle sventolare, cioè al Paladozza, anche se ci gioca una “Pallacanestro Budrio” griffata Fortitudo.

    Facciamo un bel banchetto per associare tutti coloro che amano la |F| e che ancora non lo sono. Ma non solo, anche per distribuire le informative della associazione a coloro (e son tanti) che non usano ancora Internet e che leggono gli scarni articoli sui quotidiani (che fanno solo confusione)

    Insomma se hai bisogno di due braccia, possiamo sicuramente aiutarci.
    Un saluto.

  4. marco says:

    anche quattro

    marco

  5. mexicano says:

    soccia, L’ALLEGATO MANCANTE, sembra il titolo del nuovo libro di ken follet

  6. mexicano says:

    grandi ragazzi, avanti tutta e presto le braccia invece che quattro saranno quattromila.
    puerto escondido presente.

  7. mexicano says:

    SALUTATE L’ASSOCIAZIONE

Leave a Reply